Revisore contabile condominiale - Revisione Contabile Condominiale

Mauro Cardia - Revisore Contabile Condominiale

Mauro Cardia - Revisore Contabile Condominiale

Rappresentanza in Assemblea con delega

Rappresentanza in Assemblea con delega

Mauro Cardia - Revisore Contabile Condominiale
Vai ai contenuti
Servizio di Revisione Contabile Condominiale
La legge di riforma del condominio stabilisce che l’assemblea dei condomini può nominare anche per più di un’annualità un revisore contabile che si occupi di verificare in maniera scrupolosa la contabilità del condominio.
Mauro Cardia  mette a tua disposizione la sua pluridecennale esperienza in materia di revisione contabile condomiale.
HAI BISOGNO DI UN REVISORE ESTERNO
CHE VERIFICHI LA CONTABILITA' DEL TUO CONDOMINIO?
 







  
 
Quali funzioni svolge il Revisore Condominiale?
Il revisore contabile condominiale ha il compito di analizzare la situazione del condominio in un determinato periodo; Controlla la correttezza dei pagamenti effettuati, garantisce l'equa ripartizione delle spese sostenute e ne verifica il corretto versamento da parte di ogni condomino in base ai propri millesimi.
In pratica tutela il patrimonio condominiale e immobiliare. E' un valido collaboratore dell'Amministratore.
Insieme all'Amministratore redigeranno il documento contabile, come stabilisce il Codice Civile, nel quale verranno raccontati, con estrema precisione e cura, tutti i fatti amministrativi e contabili nel periodo determinato e oggetto della revisione. Il suo compito è il controllo dei conti ma non delle scelte, giuste o sbagliate, la cui competenza ricade nell'approvazione dell'assemblea.



Art. 1130-bis c.c. Rendiconto condominiale.
La figura del Revisore Contabile Condominiale viene leggitimata dall'Art. 1130-bis del Codice Civile che recita:

"Il rendiconto condominiale contiene le voci di entrata e di uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione patrimoniale del condominio, ai fondi disponibili ed alle eventuali riserve, che devono essere espressi in modo da consentire l'immediata verifica. Si compone di un registro di contabilità, di un riepilogo finanziario, nonché di una nota sintetica esplicativa della gestione con l'indicazione anche dei rapporti in corso e delle questioni pendenti. L'assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio. La deliberazione è assunta con la maggioranza prevista per la nomina dell'amministratore e la relativa spesa è ripartita fra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà. I condomini e i titolari di diritti reali o di godimento sulle unità immobiliari possono prendere visione dei documenti giustificativi di spesa in ogni tempo ed estrarne copia a proprie spese. Le scritture e i documenti giustificativi devono essere conservati per dieci anni dalla data della relativa registrazione.
L'assemblea può anche nominare, oltre all'amministratore, un consiglio di condominio composto da almeno tre condomini negli edifici di almeno dodici unità immobiliari. Il consiglio ha funzioni consultive e di controllo."



Torna ai contenuti